Torino, Parco del Valentino, dal 22 al 26 settembre. La Regione, in collaborazione con Arsial, AgroaCamera e con Slow Food Lazio, partecipa a “Terra Madre - Salone del Gusto 2016”, l’evento internazionale dedicato alla cultura del cibo che si terrà a Torino, nel Parco del Valentino, dal 22 al 26 settembre e che quest’anno è dedicato al tema dell’amore per la terra. Uno spazio espositivo di 200 metri quadrati e 45 bancarelle con prodotti da tutto il territorio: 14 della provincia di Roma, 11 della provincia di Latina, 9 della provincia di Viterbo, 7 della provincia di Rieti, 4 della provincia di Frosinone. Tra le altre cose verranno distribuiti presso lo Stand un opuscolo sui prodotti tipici del Lazio e una shopper dedicati alla campagna “Dopo il sisma. Regione Lazio per il futuro” per le zone terremotate del Lazio (regione.lazio.it/dona). Proposte gastronomiche, laboratori, degustazioni e tanto altro. Le specialità enogastronomiche del Lazio saranno presentate sia in chiave tradizionale che innovativa. Laboratori del gusto e degustazioni avranno invece il compito di divulgare agli addetti ai lavori e agli appassionati la conoscenza delle migliori produzioni regionali che rimangono uniche al mondo grazie all’amore per la terra e alla passione per il lavoro dei nostri produttori. A completare il programma dedicato all’amore per la terra, la proiezione giovedì 22 settembre del film “Nuove Terre” di Francesca Comencini e Fabio Pellarin con la presentazione del professor Saverio Senni dell'università della Tuscia e l’Assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Lazio, Carlo Hausmann. Tanti gli eventi in programma. Il 23 settembre sarà dedicato al tema dello “Spreco alimentare: una sfida per il futuro” con l’Amministratore unico di Arsial, Antonio Rosati. Il 24 settembre il focus sarà sull’ “Innovazione e le opportunità del Programma di Sviluppo Rurale” con il presidente di Slow Food Italia, Nino Pascale. Prevista, grazie alla collaborazione di Arsial, anche la partecipazione in stage di 3 studenti degli istituti alberghieri IPSSAR A. CELLETTI di Formia e IPSEOA V. GIOBERTI di Roma”.